AMBIENTE

I CERCHI DELLE FATE DELLA NAMIBIA

I "cerchi delle fate della Namibia" sono misteriose strutture circolari tra i 12 e i 15 metri si susseguono per circa 2 mila chilometri e sono bellissimi da vedere dall'alto.

Si tratta di cerchi d’erba con al centro la sabbia e la loro natura sembra destinata a rimanere avvolta dal mistero, sebbene siano state formulate diverse ipotesi sulla loro formazione.

 I cerchi delle fate appaiono e scompaiono misteriosamente e hanno una vita media di 24 anni anche se il più longevo, nonché uno dei più grandi, è arrivato a 75 anni di vita. La popolazione locale, gli Himba, crede che i cerchi delle fate siano opera divina.

Il mistero della formazione dei cerchi delle fate è dibattuto da molti anni e, nonostante siano state formulate diverse ipotesi, nessuna di queste è convincente in modo assoluto.

La spiegazione più accreditata è il risultato di un’autorevole ricerca pubblicata sulla rivista “Science” secondo la quale i cerchi delle fate sarebbero il risultato del lavoro di termiti che vivono all’interno dei cerchi. Sembra infatti che le termiti siano gli unici animali presenti nel suolo quando i cerchi iniziano a formarsi. Puntando l’attenzione su di esse, i ricercatori hanno scoperto che gli insetti si cibano delle radici dell’erba inibendone quindi la crescita durante la stagione delle piogge.

Secondo il botanico Norbert Juergend dell’Università di Amburgo da un lato l’erba continua a crescere sul bordo del cerchio reso sterile dalle termiti, dall’altro all’interno del cerchio l’umidità del terreno si preserva meglio che altrove dando modo all’erba che sta sul bordo di sopravvivere anche durante la stagione secca. Come facciano però questi insetti a mangiare le radici dei vegetali in modo da formare dei cerchi così perfetti rimane comunque un mistero.

Fonte: libero.it

Ascoltaci: RadioVeg.it

Milano, 15/04/2016 - GC

Top