PERSONE

MARCO OLMO, 67 ANNI LEGGENDA DELLA CORSA ESTREMA

“Vivo per correre, lavoro per vivere” è il motto del maratoneta Marco Olmo che, a 67 anni, stupisce ancora una volta vincendo L'Ultra Bolivia Race.

Marco è vegetariano da 31 anni e afferma che col tempo questa scelta è diventara un’etica di vita. Per lui prima di tutto arriva il rispetto per gli animali, infatti sono molti a chiamarlo “profilo d’aquila” o “l’incrocio tra un camoscio e dromedario”, e lui conferma di cavarserla bene sia in montagna che nel deserto e si riconosce nei nomignoli: "il profilo d’aquila ce l’ho davvero quando sono accigliato in gara: il mio nasone fa da becco, alla fine io stesso sono un animale, quindi se devo scegliere mi associo solo a Marco Olmo”.

Un articolo su running.gazzetta.it/ ben presenta Marco Olmo, leggenda vivente della corsa estrema.  Marco è piemontese ed è nato con la corsa nel sangue, il suo nome non mai mancato nelle competizioni più importanti degli ultimi 20 anni: dalla Marathon des Sables (1996, Marocco), ove si è classificato 3°, passando per il titolo mondiale all’Ultra Trail du Mont Blanc (2006 e 2007, Francia), fino alla vittoria in Bolivia (19-24 settembre 2016).

In pensione da un paio d'anni, Marco, nella vita non si è mai risparmiato, si ritiene fortunato ad aver avuto il turno lavorativo dalle 6 alel 14 che gli ha permesso di potersi allenare nelle ore libere, di sacrifici ne ha fatti parecchi e proprio quando gli altri mollavano lui ha iniziato a correre; le prime gare a 27 anni per poi passare, con la Marathon des Sables, ai percorsi lunghi trovandosi più a suo agio visto che, già prima, ad esempio nelle gare di sci alpinismo o sci di fondo, si distingueva sempre di più nei tratti lunghi.

L'Ultra Bolivia Race, che l'ha visto vincitore, è una competizione estrema che si divide in sei tappe, 170 chilometri totali a piedi e in autosufficienza alimentare, il tutto a 3700/4100 metri di quota. Marco Olmo ha impiegato 16 ore 44 minuti e 10 secondi e, come racconta, "Non è stato tutto rosa e fiori. La parte più difficile? La quota. Mal di testa, si secca il naso, le labbra si spaccano; c’è pochissima umidità e il sole è forte, mentre la notte si scende sotto zero: sono arrivato mercoledì e il lunedì già si correva, bisognerebbe starci 15/20 giorni prima per abituarsi a quelle quote”. L’Ultra Boliva Race è tra le competizioni più in quota e più in autosufficienza del mondo, vincerla con due ore di anticipo rispetto al secondo, e soprattutto a 67 anni, non è cosa da tutti, ma Marco è convinto, e noi condividiamo la sua convinizione, che il corpo lo sostiene ancora grazie anche al suo stile di vita da vegetariano. Ci chiediamo, che traguardi raggingerebbe se fosse vegano?

Per leggere tutto l'articolo cliccare QUI.

Il video è del pezzo "Marco Core" che nel 2009 il gruppo indipendente genovese Ex-Otago ha dedicato al maratoneta.

Milano, 10/10/2016 - GC

Top