NEWS

DA MACELLO A OSPEDALE VETERINARIO

A volte si leggono anche belle notizie, come, ad esempio, quella che arriva da Firenze dove l'ex macello diventa un ospedale per animali abbandonati. 

Da luogo di sfruttamento e morte, quindi, a luglio una parte dell’ex macello monumentale di Firenze è stata riconvertita e adibita a nuova sede di Igiene urbana veterinaria dell’Azienda sanitaria toscana dove non saranno curati solo animali d’affezione come cani, gatti e conigli ma troverà accoglienza anche la fauna selvatica tra cui scoiattoli, cervi, caprioli, daini e lupi.

Per fare posto al nuovo ospedale veterinario è stata ristrutturata una superficie di circa 400 metri quadrati dell’ex macello.
È stata mantenuta l’architettura originale voluta da Giuseppe Poggi nel 1865 e la ristrutturazione dei locali ha richiesto un investimento economico totale di oltre 600mila euro.

La nuova struttura risponde alle richieste degli oltre 5000 cittadini che ogni anno si rivolgono agli uffici del presidio fiorentino: in Toscana un abitante ogni otto è infatti proprietario di un cane e gli animali di affezione registrati all’anagrafe sono quasi 30mila solo nel territorio fiorentino.

Il centro veterinario nasce anche per tutelare e curare i numerosi animali selvatici del territorio ed è inoltre uno strumento per combattere il randagismo attraverso la sterilizzazione e favorendo l’adozione degli animali abbandonati.

Un servizio che, come dice l'assessore regionale al diritto alla salute, Stefania Saccardi, rappresenta un elemento di civiltà.

GreenMe, sito dove abbiamo trovato la notizia, riporta che, dall’inizio della sua attività alla fine dell’800, nell’ex macello sono stati uccisi milioni di animali,  si spera che, ora, in questo nuovo ospedale se ne possano salvare altrettanti e si auspica che iniziative del genere vengano prese anche in altre regioni del bel paese.

Milano, 24/9/2019 - GC

Top